Videoconferenze: come lavorare ai tempi del Covid-19

Data:

 

Già largamente usate in tutto il mondo, mai come in questo periodo le video conferenze si sono rivelate fondamentali per continuare a lavorare, soprattutto quando un semplice messggio o una mail non possono nulla contro una chiacchierata a quattr’occhi.
Possiamo dire che oggi la videoconferenza rappresenta una sorta di riunione 3.0, permettendo a più persone contemporaneamente di chiacchierare tra di loro, guardandosi in volto, dalle riunioni di lavoro, alle riunioni dei capi di stato, passando per le lezioni scolastiche, bisogna avere soltanto un dispositivo dotato di monitor, come un desktop, oppure uno smartphone o tablet.
I vantaggi per le aziende sono molteplici, in primis un abbattimento sui costi tradizionali per gli spostamenti, ma soprattutto la possibilità di organizzare incontri tra più persone distanti tra loro.

Quali sono i Software che possiamo utilizzare?
TeamLink è una delle soluzioni gratuite, che consente il collegamento fino a 200 persone, per videoconferenze e riunioni Web consentendo a chiunque di collaborare con team e partner ovunque e in qualsiasi momento.
Gmail Hangouts: disponibile per chi ha un account Gmail, utilizzabile su computer fisso che su smartphone, gratuito, supporta fino ad un massimo di 10 persone.
Poi ci sono i conosciutissimi Skype con le videochiamate di gruppo, e Whatsapp dove sarà possibile nei prossimi giorni fare delle videochiamate coinvolgendo fino a 8 persone, mentre per il momento il limite è di 4 persone.